Archivio | novembre, 2011

Ridateci la fermata… Adesso!

24 Nov

Il Coordinamento Di Traffico Si Muore aderisce e da il proprio sostegno alla richiesta dell’Associazione dei Pedoni per l’immediato ripristino della fermata TPL di via del Plebiscito a Roma (fronte Palazzo Grazioli).

Al PREFETTO di ROMA
Dott. Giuseppe PECORARO
Al PRESIDENTE ATAC
Dott. F. CARBONETTI
All’AMM.RE DELEGATO ATAC
Ing. C. TOSTI
Al COMMISSARIO DELEGATO
Emergenza Traffico e Mobilità
Ing. Gianni ALEMANNO
Al COMANDANTE P.L.M. RM
Dott. Angelo GIULIANI
Al PRESIDENTE I Municipio RM
Dott. Orlando CORSETTI
e p.c. Al PRES. CONSIGLIO MINISTRI
Prof. Dott. Mario MONTI
e p.c. Al PRESIDENTE del T:C:I:
Dott. Franco ISEPPI
e p.c. All’ASSESORE MOBILITA’
On. A. AURIGEMMA
LORO E-MAIL

Roma, 23 novembre 2011

Ogg.: Fermata TPL di via del Plebiscito a ROMA. Immediato Ripristino.

Come è noto alle SS.VV.Ill.me, la fondamentale e vitale fermata (di 18 linee) del TPL di Roma, via del Plebiscito, venne desaparecidos la notte del 28 dicembre 2009, creando molti problemi civili, sociali e morali (materiali e di immagine) ai cittadini residenti e di passaggio (italiani e stranieri), nonchè alla immagine della città di Roma Capitale.
I cittadini continuano a non comprendere i reali motivi della scomparsa di quella fermata. La verità è che, in un palazzo di quella via, si è cercato di costituire un luogo istituzionale precario per il precario incarico istituzionale del suo super scortato proprietario e trasformare la via Plebiscito in una little piazzetta venezia. Progetto totalmente fallito il 12.11.2011 alle ore 21:41 e reso tombale con la nomina del prof. Mario Monti a Presidente del Consiglio dei Ministri il quale domicilia a Palazzo Chigi, inequivocabile luogo istituzionale del Governo.
OGGI, LA UNICA SEDE DEL GOVERNO ITALIANO E’ A PALAZZO CHIGI
in PIAZZA COLONNA n. 370 – ROMA.
Secondo l’ADP, non esistono dipendenze ufficiali o semi ufficiali della suddetta sede.
(Alla vigilia del 1° anniversario di quella scomparsa, la scrivente Associazione ADP tentò di ottenerne la “ricomparsa”: senza successo.)
Orrmai, da molto tempo è calato il sipario e si sono spenti le luci ed i riflettori sul “confusionario” mondo del Governo precedente. Inoltre, gli attuali Ministri non necessitano di appariscenti strumenti e/o escamotages pubblicitari / propagandistici.
Allo stato, si impone la riapparizione immediata della fermata TPL di via del Plebiscito: doveva essere già stata “eseguita d’ufficio” (cioè senza alcun intervento, come questo dell’ADP).
Sappiamo che l’Atac è pronta a compiere l’azione della riapparizione della citata fermata, così come fu pronta a farla scomparire: attende l’ordine per eseguirlo.
Ogni ulteriore ritardo potrà essere interpretato come desiderio di alimentare, conservare e consolidare la confusione nella società ovvero ad impedire il ritorno ad una accettabile (quasi) civile “convivenza”.
Attendiamo di registrare l’effetto salutare di una azione eseguita in nome del rispetto dei diritti e della dignità che sono dovuti alle persone che (sacrificandosi) utilizzano, a Roma, il TPL.

Annunci

Cosa ce ne facciamo di un ponte al buio?

23 Nov

Una nuova pagina per un rinnovato impegno

20 Nov

Abbiamo deciso di aprire una pagina del Coordinamento su Facebook perché sentiamo la necessità di sfruttare maggiormente la potenzialità di uno strumento che ha raggiunto una diffusione notevole. Pertanto invitiamo tutti i nostri sostenitori a cliccare “Mi Piace” e diffondere in maniera capillare la nuova pagina.

Manutenzione, segnaletica e infrastrutture…

14 Nov

E il rispetto dei limiti di velocità? E la repressione della sosta illegale/selvaggia? E il rispetto degli attraversamenti pedonali? E la riduzione del traffico privato a motore? E l’incentivo del trasporto pubblico?

Possibile che i nostri amministratori e gli addetti alla sicurezza delle nostre vite non riescano a vedere oltre il proprio naso?

La sosta in doppia fila è illegale e omicida

6 Nov

6 novembre 2011 – Corriere della Sera – Milano