Piano di lavoro presentato al Tavolo tecnico con il Comune

10 Dic

Premessa: principi generali del tavolo operativo

  • messa in sicurezza di tutti i soggetti leggeri/utenti deboli (ciclisti e pedoni) anche mediante azioni di repressione/scoraggiamento di comportamenti scorretti e/o illegali (sosta selvaggia, superamento dei limiti di velocità, mancato rispetto delle precedenze…);
  • Infrastrutturazione urbana orientata alla sicurezza degli utenti leggeri mediante interventi di moderazione del traffico.
  • disincentivazione del mezzo a motore privato ed incentivazione del trasporto pubblico e dei veicoli a zero emissioni;
  • incentivazione del trasporto intermodale.
  • impegno a realizzare una rete di percorsi ciclabili che colleghi tutti i municipi tra loro;

Modalità di lavoro:

  • Per ogni punto discusso siano definite una tempistica di attuazione ed una di verifica, che saranno da noi adeguatamente pubblicizzate.

Richieste di interventi con decorrenza immediata

  • Apertura immediata delle corsie preferenziali alle bici. Nel caso sussista il limite di 4,5m… dove sono più piccole: allargarle.
  • Bici pieghevoli sui mezzi pubblici: deroga immediata al divieto di trasporto (max entro 2 mesi) identificando aree dove sistemarle (in analogia col trasporto dei passeggini).
  • Intermodalità bici e metropolitane: autorizzare trasporto bici in tutti gli orari, eventualmente ad esclusione di alcune fasce orarie, sulle vetture di testa e di coda. Adeguare l’accesso alle stazioni per le bici (canaline, ascensori, etc)
  • Creazione di un regolamento che sancisca le modalità di parcheggio bici: ad esempio rastrelliere a U rovesciata che permettono parcheggio misto di bici e moto. Definizione e realizzazione di stalli per bici in proporzione al numero di abitanti, come per i parcheggi auto.
  • Possibilità per le bici di percorrenza contromano nelle vie a senso unico delle aree residenziali (zone 30).
  • Modifica al regolamento condominiale per parcheggio bici nei cortili

Richieste sul medio e lungo termine

  • Attraversamenti pedonali, zone 30 e riduzione obbligata della velocità a 50 km/h per mezzo di rotonde. (veicolare il concetto che è l’automobile ad invadere uno spazio dei pedoni e dei ciclisti e non viceversa). Piano attuativo da definirsi entro 6 mesi.
  • Repressione (multe) per sosta in doppia fila ed eccesso velocità
  • Vigili in bicicletta per aree pedonali e piste ciclabili.
  • Definizione di un “piano generale della ciclabilità” basato su reti ciclabili idonee a collegamenti continui sull’intera area cittadina, da realizzarsi soprattutto sulle strade ad alto scorrimento, e capillarmente nelle aree interne delle zone 30.
  • Bike Sharing: estensione a tutta la città e con una formula diversa dall’attuale (non ci interessano le bici a pedalata assistita per il bike sharing).

Per le ciclabili già progettate ed elencate nel precedente incontro

  • Puntiamo alla realizzazione di un piano complessivo della ciclabilità, non a piste mal fatte e dove non servono. Se si intende realizzarle per evitare di perdere i soldi già finanziati si facciano pure, ma non rientrano tra le priorità.
Annunci

Una Risposta to “Piano di lavoro presentato al Tavolo tecnico con il Comune”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Di traffico si muore | Nuova Mobilità - 18 gennaio 2011

    […] Abbiamo partecipato ad un primo incontro pubblico con i responsabili del Comune, e quindi ad un secondo incontro più ristretto, mirato a gettare le basi per un “tavolo tecnico” sulla mobilità […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: